Hi, How Can We Help You?

Category Archives: viaggiare in Australia

Maggio 17, 2023

Stai per partire per l’Australia e non sai cosa puoi portare, cosa no e cosa invece ti servirebbe dichiarare? Ecco una guida passo passo specie se mamma ti ha riempito la valigia di cibo, ecco a cosa fare attenzione! Sia che tu vada a vivere in Australia con Working Holiday Visa o semplicemente stai per partire per un viaggio in Australia con visto turistico “don’t be sorry, just declare it“!

Ricorda, nel dubbio dichiara!
Questo perché a campione le tue valigie potrebbero essere ispezionate.
Se hai dichiarato qualcosa che potevi non dichiarare, oltre a qualche minuto speso a spiegarti, non avrai problemi.
Se invece vi verrà trovato nel bagaglio un prodotto non dichiarato e non consentito, rischiate multe anche molto pesanti.
Se avrete dichiarato un articolo non consentito, non vi verrà permesso di portarlo con voi in Australia, ma non sarete soggetti a sanzioni!
Trovate qui una lista completa ed esaustiva, non limitata al cibo:  https://www.abf.gov.au/entering-and-leaving-australia/can-you-bring-it-in/categories/food.
Potrebbe interessarti: portare medicine in Australia
Ecco però un riassunto:

Posso portare in Australia senza dichiarare:

  • Biscotti, pane, torte confezionate (ma non cheesecake)
  • Caffèfino a 10 kg (escluso Kopi Luwak, Civet Coffee e Green coffee, per questi serve soddisfare requisiti extra).
  • Cioccolatae prodotti dolciari confezionati
  • Sciroppo d’acero
  • Olio
  • Succhi di fruttae ‘soft drinks‘. Devono essere preparati industrialmente.

Posso portare ma devo dichiarare:

  • Burro, formaggi ed altriprodotti caseari
    Importante però controllare che il paese di produzione sia partedella lista governativa FDM-Free
  • Erbe essiccatefino ad un 1kg, purchè tritate finemente (spezie, foglie)
  • Pescefino a 10kg.
    Attenzione: dev’essere trattato industrialmente ed impacchettato, non devono esserci segni che il contenitore sia stato aperto.
    Dettagli sono disponibili nella scheda relativa a questi prodotti.
  • Miele. Può essere trasportato ma dovrà essere ispezionato da un ufficiale al momento dell’arrivo per stabilire che sia privo da contaminazioni.
    Requisiti extra devono essere soddisfatti se si cerca di portare del miele in Western Australia
  • Latte umanodestinato all’allattamento. Si può, fino a 10 kg, se si è accompagnati dal neonato per il quale il latte è destinato.
    Altrimenti è necessaria una dichiarazione d’importazione.
  • Bevande confezionate (come tè, caffè) fino a 10 kg se impacchettate, fino a 10kg.
  • Latte in polvereper neonati, fino a 10kg.
    Importante però controllare che il paese di produzione sia partedella lista governativa FDM-Free
  • Carne. La carne può entrare in Australia se dichiarata se rispecchia determinati requisiti di produzione e se processata.
    Per la carne in scatole è importante controllare che il paese di produzione sia partedella lista governativa FDM-Free.
    Il dipartimento avvisa che le regole sul trasporto di carne sono soggette a cambiamenti.
  • Pasta
  • Noci, noccioline e frutta secca. Possono essere portate se prodotte industrialmente e confezionate.
    Devono essere ispezionate all’arrivo.
  • Pepe. Purché sia prodotto industrialmente e confezionato
  • Cibo per animali. Si può portare se dichiarato ma richiede un permesso all’importazione anche per quantità minime.
  • Salsese cucinate e prodotte industrialmente. Quelle che contengono ingredienti di derivazione animale devono rispettarerequisiti particolari.
  • Farina ma solo se prodotta industrialmente. Se non conforme adeterminati requisiti, verrà distrutta all’arrivo.
  • Vitamine per uso umano, purché siano prodotte industrialmente e confezionate, dose massima tre mesi.

Non portare in Australia:

  • Ciboche ti è stato fornitosull’aereo
  • Risocrudonon è permesso e verrà distrutto all’arrivo.
    Prodotti contenenti riso cotto possono essere portati ma devono essere accompagnati da permesso di importazione.
  • Uova, se non con un permesso per importarli.
  • Piante vive e terreno, se non con un permesso per importarle.
Maggio 16, 2023

I motivi per cui può interessarti capire quali medicine puoi portare in Australia sono molteplici, stai per andare a vivere in Australia con Working Holiday Visa o semplicemente stai per partire per un viaggio in Australia con visto turistico. In entrambi i casi fare attenzione alle medicine da portare in Australia è fondamentale per evitare inutili problemi.

In Australia la maggior parte delle medicine possono essere portate senza nessuna restrizione sintanto che siano per uso personale.
Non è consentito, invece, trasportare medicinali destinati ad altre persone (a meno che non si tratti di un figlio, partner o ‘immediate family member‘).

Medicine che puoi portare in Australia

Ecco i consigli basati su una fonte di informazione governativa ufficiale:
  1. Non portare in Australia medicinali o dispositivi medici che non siano destinati a te o a un familiare stretto
  2. I medicinali che in Australia richiedono prescrizione medica (che generalmente sono gli stessi che la richiedono in Italia) vanno accompagnati da una prescizione medica italiana che può essere giá scritta in inglese, oppure in lingua italiana e successivamente tradotta con certificazione NAATI
  3. Conserva la confezione originale delle medicine
  4. Non portare con te scorte medicinali superiori ai tre mesi
  5. Bisogna dichiarare i medicinali trasportati alla dogana, selezionando SI alla domanda 1 della ‘Scheda per passeggeri in arrivo‘.
  6. Porta questi medicinali nel bagaglio a mano, non in stiva.
In generale, bisogna dichiarare sempre le medicine che si portano con se, anche se per uso personale.
Attenzione per quanto riguarda il trasporto di: Ormoni, Sedativi e Steroidi
  • Vanno Dichiarati
  • Vanno portati nel bagaglio a meno
  • Scorta massima trasportabile di 3 mesi
  • Prescrizione in inglese necessaria
È necessario ottenere un permesso dall’Office of Drug Control per questi specifici farmaci o strumenti:
  • Abortifacients (e.g. mifepristone – RU486)
  • Yohimbe (Yohimbine)
  • Aminophenazone, amidopyrine, aminopyrine, dipyrone
  • Amygdalin/laetrile (also referred to as ‘Vitamin B17’)
  • Iniziezioni che contengono materiale umano o animale come Hizentra® o Clexane®

Per qualsiasi altra informazione non esitate a contattare il nostro infopoint all’indirizzo infopoint@atlasmigration.com

Marzo 7, 2023

Serpenti velenosi, meduse mortali, squali assassini, canguri dolcissimi e ragni giganti! Scopri gli animali australiani e dove vederli.

La fauna australiana è senz’altro peculiare, si trovano qui alcune specie assolutamente uniche al mondo (il più famoso è il canguro) e la cosa più unica è che l’Australia è naturalmente come un grande parco safari a cielo aperto; l’intero continente è il palco scenico di una vita selvaggia, pura, quasi ancestrale; in Australia puoi osservare lo scorrere naturale della vita animale; in Australia impari a convivere con una natura presente e fiera all’apparenza più forte della mano distruttrice dell’uomo.

Potrebbe interessarti: working holiday visa per l’Australia – vacanza lavoro Down Under 

Animali Australiani, sapevi che?

Nel continente in cui vivono più canguri che esseri umani – no, non si fa per dire; ci sono letteralmente più canguri che persone – si trovano alcuni degli animali più letali al mondo e alcuni tra i più dolci.

In Australia puoi incontrare nel loro habitat naturale, senza il bisogno di pagare un’escursione o il biglietto d’ingresso di una riserva, aquile, quokka, dingo, balene, koala, delfini, razze, tartarughe, serpenti, ragni, cammelli, coccodrilli, squali, pappagalli, wombat, wollabies, foche o emù.

Andare al mare in Australia: gara alla sopravvivenza

Ombre nere a pelo d’acqua, denti aguzzi pronti a lacerarti la carne, una pinna all’orizzonte e la morte assicurata; siate sinceri, non immaginate esattamente così le spiagge australiane? Non sono forse gli squali assassini – i Great White Sharks – a stuzzicare la vostra prudenza?

99 su 100 ci ho preso.

Se anche riuscissi a convincervi che non ci sono squali nei pareggi sono certa che sapreste argomentare il vostro terrore con un possibile attacco di una medusa mortale (cubo medusa o una medusa blu per citarne alcune).

Colpita.

I più informati continuerebbero la lista dei possibili modi per morire in spiaggia con i serpenti marini e i coccodrilli d’acqua salata.

Affondata.

Eppure, nonostante tutto devo stravolgere le vostre idee.

Andare al mare in Australia non significa andare incontro alla morte.

  • Nel caso di effettivo pericolo le spiagge vengono chiuse e vengono affissi numerosi cartelli nell’area di pericolo
  • Scegli spiagge dotate di aree protette: una sorta di piscina naturale delimitata da reti d’acciaio che impediscono l’accesso di squali e meduse
  • Fattore probabilità: ogni anno di media due persone muoiono in Australia a seguito di uno shark attack. Generalmente i suddetti malcapitati sono surfisti. Ogni volta che sono in acqua e me la faccio sotto mi ripeto questa frase e mi auto-convinco di non poter essere il prossimo pasto di un pesce cane o di un coccodrillo
  • I coccodrilli si trovano solo in Northern Territory, North Queensland e Kimberly (north WA) e anche in questo caso le zone di alto pericolo sono ben segnalate

Ovviamente qualora vogliate provare il brivido di avvistare una pinna a pelo d’acqua potete prendere parte alle numerose escursioni di shark watching o, se ne avete il coraggio, avventurarvi in acqua nelle gabbie.

Infine ti do un mio consiglio, a mio avviso infallibile: non entrare in acqua se non c’è nessun altro!

Animali australiani: i più dolci del pianeta

Ad ogni modo l’Australia non è solo animali feroci, nelle bellissime acque che costeggiano questo continente potrai incontrare con estrema facilità squali balena, delfini, stelle marine, foche, leoni marini, tartarughe, mante, razze e una miriade di pesci di forme e colori diversi. Armati di buona pazienza e lanciati all’avventura.

Da non perdere un’escursione a Rottnest Island, un paradiso senza automobili a mezz’ora da Fremantle. Qui è possibile conoscere gli animali più felici del mondo (i quokka), fare snorkeling tra pesci coloratissimi, avvistare balene, delfini e molti altri.

NB: informati circa la possibilità di avvistare le balene durante il tuo viaggio in Australia: se ti trovi in Western Australia nei mesi invernali non perdere l’occasione di nuotare con lo squalo balena, nello stesso periodo in Queensland puoi nuotare con le humpback wales!

Campeggiare in Australia: gli animali australiani che posso incontrare

Se sei sopravvissuto al mare sei pronto ad avvistare canguri, emù e koala e ad affrontare i pericoli di terra: dovrai destreggiarti tra ragni giganti, mega lucertole e serpenti mortali – per non menzionare l’uccello più grande e pericoloso del pianeta: la casuarina!

Non sono forse i canguri i primi animali che vorreste incontrare in Australia?

Ecco, sarete presto accontentati.

Avvistare canguri in Australia è facilissimo, basta uscire dalla città e inoltrarsi verso il bush e in men che non si dica si vedranno abbastanza marsupiali da non riuscire a tenere il conto.

Potrete vedere centinaia, migliaia di canguri selvaggi nel loro habitat naturale e vedrete i cuccioli di canguro saltare nel marsupio della madre.

Avvicinare i canguri è un’altra questione e difficilmente riuscirete ad avvicinarne uno selvatico.

Tuttavia è possibile incontrare i canguri in alcune aree molto frequentate dagli uomini nelle quali questi simpatici animali hanno familiarizzato con la nostra presenza (la spiaggia di Lucky Bay è una delle più famose ma le alternative non mancano).

NB: non dare da mangiare ai canguri, cibi diversi da quelli reperibili in natura possono compromettere notevolmente il loro stato di salute.

Dove vedere in Koala in Australia?

Se avvistare canguri e farsi un selfie con essi è piuttosto semplice, la situazione si complica con i koala.

E’ assolutamente possibile avvistarli nel loro habitat naturale, a distanza più o meno ravvicinata, ma è pressoché impossibile prenderli in braccio o toccarli (a meno che non andiate allo zoo o in centri di recupero).

Per citare alcune delle mete più famose è possibile vedere i koala  nell’Otway National Park percorrendo la Great Ocean Road da Melbourne ad Adelaide o a Stradbroke island!

NB: percorrendo la Great Ocean Road si possono avvistare anche i wallabies, inoltre nei mesi invernali (giugno-luglio-agosto) è possibile avvistare le balene.

Un altro animale tipicamente australiano è l’emù, un grosso pennuto dal verso piuttosto simpatico – è facile avvistarli in Western Australia (Exmouth e diverse zone del South West) ed è possibile fare altrettanto praticamente in tutto il paese.

Ora che abbiamo passato in rassegna gli animali più dolci possiamo concentrarci su quelli spaventosi e/o letali:

  • Ragni – primo mito da sfatare: non è vero che i ragni più grandi sono anche i più pericolosi. Arrivi in Australia convinto che un mega ragno delle dimensioni di un piatto sia pronto ad ucciderti e capisci ben presto di dover temere i ragni piccoli come una monetina. I red back sono senza dubbio i ragni pericolosi più diffusi, si trovano ovunque dai parchi pubblici ai giardini delle abitazioni, dalle campagne alle città; prudenza e attenzione saranno più che sufficienti a salvarvi la vita.

Ad ogni modo, se state pensando di campeggiare in Australia, preparatevi alla vista di ragni pelosi grandi anche più di 10cm; quanto ai ragni di dimensione normale (3-4cm) sono all’ordine del giorno se vivete in una casa con giardino.

  • Serpenti – i cartelli che invitano a fare attenzione ai serpenti sono presenti praticamente in ogni spiaggia o parco e a questi si aggiunge spesso un cartello mobile che annuncia avvistamenti recenti.

Infine avete idea di cosa sia un dingo?

Pur non avendo origine australiana, il dingo abita questo continente da millenni ed è uno dei pochi predatori naturali del canguro. E’ una sorta di cane selvaggio difficile da avvicinare e non troppo loquace.

Qualche curiosità sugli animali australiani:

  • sapevate che in Australia – nello specifico in South Australia – ci sono esemplari di cammello selvatico?
  • i pappagalli di mille colori sono popolari in Australia tanto quanto i piccioni lo sono da noi
  • potete vedere i wombat solo sulla costa est del continente
  • il bush è disseminato di grandi costruzioni di sabbia simili a piramidi… opera del formichiere
  • come dicevo poco sopra in Australia i coccodrilli non vivono solo in acque dolci ma anche in acque salate
  • gli squali non vivono solo in acque salate ma anche in acque dolci (parliamo degli squali toro che vivono spesso nei fiumi)
Novembre 28, 2021
Novembre 28, 2021

Le 5  isole da visitare assolutamente in Australia

Se c’è un aspetto meraviglioso del vivere, studiare e trasferirsi in Australia, questo aspetto è proprio quello di poter visitare posti paradisiaci e gemme naturali che non hanno paragoni.

L’Australia offre la possibilità di visitare isole che regalano alcune delle esperienze più indimenticabili al mondo. Se siete in working holiday o in student visa, vi consigliamo di sfruttare le settimane di vacanza per visitare queste meraviglie e assaporare così la vera essenza della natura Australiana.

Ma quali sono le isole più belle dell’Australia? Vediamole insieme:

1. Fraser Island

Balene che danno spettacolo 5 mesi all’anno, dingo selvatici e immense spiagge dalla sabbia bianchissima vi aspettano a Fraser Island. Situata a sei ore da Brisbane quest’isola è perfetta per chi desidera viaggiare in libertà e vivere la costa on the road con un veicolo 4WH.

2. Rottnest Island

Rottnest Island  si trova a breve distanza in traghetto da Perth ed è molto famosa e popolare poichè è l’unica isola ad ospitare il quokka. Per chi non lo sapesse, il quokka è un marsupiale in miniatura molto socievole diventato il re dei selfie su Instagram con cui i turisti si dilettano a scattare foto.

L’isola è un vero paradiso naturale e non sono ammesse auto private, l’isola è perfetta per campeggiare e fare immersioni.

 

3.Tiwi Island

Le Tiwi Islands, situate a 100 km a nord di Darwin, sono tra le isole più caratteristiche che potete trovare in Australia.

Dalle cerimonie del fumo ai complessi rituali associati con la Pukamani (cerimonia di sepoltura), visitare queste isole significa immergersi nella cultura locale.

Perfette per gli amanti della pesca grazie alle 40 speci ittiche, questi isolotti offrono una moltitudine di tour e attrazioni naturali.

 

4.Kangaroo Island,

Un nome un programma. A 13 km al largo del South Australia, ha tutto quello che serve per un’avventura unica. Massi enormi, scenari suggestivi, leoni marini, canguri e tanta altra flora e fauna meravigliano turisti ogni giorno dell’anno.

 

5.Whitsunday Island

Le Isole Whitsunday, situate nel cuore della Grande Barriera Corallina, vantano la natura più bella del paese. L’arcipelago delle Whitsunday è composto da 74 isole, tuttavia solo alcune offrono la possibilità di soggiornare in un paradiso di acque azzurre e sabbia bianca.

È una delle mete più gettonate per la versatilità delle attività proposte tra diving, snorkelling, skydiving, camping, lunghe passeggiate sulle meravigliose spiagge e soggiorni in hotel di lusso.

Per qualsiasi domanda ti ricordiamo che puoi contattare il nostro Info Point gratuito sempre a tua completa disposizione all’indirizzo infopoint@atlasmigration.com o scriverci sui social:

 

Ottobre 27, 2021

Quando si parla delle spiagge più belle al mondo, l’Australia occupa un posto di rilievo nelle classifiche tanto da potersi ritenere fortunata e orgogliosa. Le spiagge australiane di sicuro non temono il confronto con i tanti ambiti paradisi esotici. Spiagge di sabbia bianchissima, il mare cristallino, i litorali australiani sono garanzia di bellezza e paradisiaco: baie solitarie nascoste in piccole insenature, spiagge oceaniche in cui potersi rilassare e godersi di un silenzio accompagnato dallo sciacquio delle onde. 

Whiteaven Beach è la spiaggia più bella del mondo!

Famosa al mondo intero in quanto location del celebre film “I pirati dei Caraibi”, Whiteaven Beach è, come dice il nome, un paradiso fatto di lingue di sabbia bianchissima e acque così trasparenti da non sembrare vere!

Il consiglio dello staff di Atlas Migration è di esplorare questo paradiso durante una crociera in barca a vela o catamarano intorno alle Whitsunday Islands, ci sono soluzioni per ogni prezzo e tipo di viaggiatore, trova il tuo e preparati a partire!

Ci sono altre spiagge australiane che negli anni si sono aggiudicate un posto in classifica; tra queste ricordiamo Manly Beach e Surfers Paradise Beach

Manly Beach

Era il 1788 quando il Capitano Arthur Phillip, primo governatore del Nuovo Galles del Sud, diede il nome a questa splendida spiaggia situata a 12 chilometri lungo il litorale settentrionale di Sydney. Ciò che colpì il Capitano fu la sicurezza e il comportamento virile della popolazione aborigena tanto da coniare il nome con “Manly” che in inglese significa appunto “virile”. Non solo situata a 12 chilometri da Sydney, raggiungibile con un traghetto che attraversa l’Harbour Bridge e l’Opera House, l’isola si trova a un “milione di chilometri dalle preoccupazioni”. Sono abituati a chiamarla così gli abitanti dell’area. Un bel biglietto da visita non è vero? 🙂 

Una volta arrivati, i visitatori possono godersi una rilassante passeggiata lungo il Corso del lido australiano. Il viale è costeggiato da bellissime palme dove è facile imbattersi in negozi di abbigliamento per surfisti, botteghe per souvenir e ovviamente tanti bar. Adatto a tutta la famiglia e con i tre chilometri di sabbia dorata, a farla da padrone sono campi da beach volley, l’aria fresca con i piacevoli suoni del mare e le onde tanto ricercate dai surfisti. Infatti, Manly Beach è una delle mete più famose al mondo per gli amanti del surf tanto che dal 1964 ogni anno si tiene il campionato mondiale. 

Surfers Paradise Beach

Quando parliamo di Gold Coast, nel Queensland, non possiamo non citare uno dei posti più incantevoli dell’Australia: Surfers Paradise Beach. La spiaggia è una vera e propria cartolina che sembra essere disegnata su tela: lunghe spiagge di sabbia dorata con sfondo gli altissimi grattacieli che completano il quadro mozzafiato. Oltre la sua indiscutibile bellezza estetica, è conosciuta in tutto il mondo dai surfisti di tutti i livelli. 

La Costa d’Oro, che in passato era solo un agglomerato di paludi oggi diventati canali di una città imponente, era conosciuta anche come la “spiaggia del weekend”. Negli anni cinquanta, gli abitanti di Brisbane situata a pochi km, erano soliti trascorrere il weekend in questo posto paradisiaco. Pronta ad accogliere tutti e soddisfare le diverse esigenze dei visitatori, oggi è considerata una meta ambita dai più giovani che la adorano. Sia per la sua vita notturna, ma anche per una semplice nuotata, sport di spiaggia e del sano relax. 

Siete curiosi di conoscere le altre spiagge più belle del mondo? Ve le elenchiamo qui:

  1. Whitehaven Beach – QLD, AUSTRALIA
  2. Santa Maria Beach – CUBA
  3. Baia do Sancho – BRASILE
  4. Grace Bay Beach – TURKS and CAICOS
  5. Saint Pete Beach – USA
  6. Turquoise Bay – WA, AUSTRALIA
  7. Eagle Beach – ARUBA
  8. Spiaggia dei Conigli – ITALIA
  9. Ka’anapali Beach – HAWAII
  10. Baia dos Golfinhos – BRASIL

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo con i tuoi amici!

Per qualsiasi domanda a tema Australia non esitare a contattarci!

Ottobre 17, 2021
Ottobre 17, 2021

Quando si pensa all’Australia non si può fare a meno di sognare di viaggiare in Australia in macchina!

L’Australia gode senza ombra di dubbio di alcuni tra gli scenari naturali più incredibili del mondo! Deserti, Oceani, fiumi, cascate, foreste, metropoli, barriere coralline, surf spots e laghi di ogni forma colore e misura. L’Australia è un universo a sé e con un viaggio in macchina si può apprezzare la sua vera essenza.

Ecco tre viaggi on the road che non puoi lasciarti sfuggire nel corso della tua esperienza australiana.

The Big Lap

Il nome lo dice chiaramente. The Big Lap è il noto road trip australiano conosciuto come il viaggio che in sedicimila chilometri ti permette di circumnavigare tutto il continente.

Quanto tempo occorre per il Big Lap?

Questo ovviamente dipenderà dal ritmo e stile del viaggio che deciderai di affrontare lungo la celebre Highway 1, nota come la strada più lunga del mondo. Suonerà strano, ma non ti servirà una mappa. Il percorso è facilmente percorribile lungo tutta la costa ed è ben visibile. Essendo un viaggio molto lungo, ognuno di noi vivrà un’esperienza diversa.

Guidando ininterrottamente potresti impiegarci 14 giorni, viaggiando con ritmi più sostenibili probabilmente ti servirebbero almeno 4 mesi.

Le meravigliose terre del West

Il Western Australia finisce spesso nel dimenticatoio per coloro che si apprestano a visitare l’Australia in poche settimane; per tutti coloro che sono in Australia con Working Holiday Visa o vivono stabilmente nel paese un viaggio on the road a Ovest è mandatario!

L’itinerario che vi consigliamo parte da Esperance e si conclude a Broome – o viceversa – includendo alcune tra le spiagge più incredibili del paese e paesaggi incontaminati che ormai sembrano solo un sogno vintage.

Tappe imperdibili in Western Australia

  • Lucky Bay – Cape Le Grand National Park – Esperance
  • Bremer Bay
  • Albany
  • Denmark
  • Cape Leeuwin Light House – Augusta
  • Margaret River – a cui è necessario dedicare almeno 3 giorno per poter visitare le wineries dei dintorni e carpire il mood di questo eclettico paesino
  • Cape Naturaliste Light House – Dunsborough
  • Busselton Jetty – Busselton
  • Rottnest Island – l’isola dei quokka – Perth
  • Perth
  • Kalbarri National Park
  • Shark Bay
  • Exmouth
  • Coral Bay
  • Karijini National Park
  • Broome

La East Coast

Un viaggio on the road sulla east coast australiana è uno dei viaggi più popolari e imperdibili per gli Italiani in Australia che hanno la fortuna di visitare e vivere in questo meraviglioso paese ed è anche il viaggio on the road più semplice da organizzare in quanto la east coast gode di molti servizi e di innumerevoli tappe distanti non troppi km l’una dall’altra.

Cosa aspettarti da un viaggio on the road sulla East Coast

Tra le spiagge mozzafiato, piccole cittadine sul mare, immensi parchi nazionali, paesaggi tropicali e città come Gold Coast e Brisbane, sulla East Coast avrete l’imbarazzo della scelta nell’esplorare tutti i diversi scenari.
Che sia fatto in macchina o in van, fermandosi a dormire nelle aree di sosta o nei campeggi a pagamento, un road trip sulla East Coast Australiana richiede un minimo di tre-cinque settimane di viaggio.

Quando viaggiare East Coast Australia

La migliore stagione per partire per un on the road sulla East Coast è Aprile – Ottobre, tuttavia, il clima rimane costantemente mite da Byron Bay sino a Hervey Bay tutto l’anno.
Tenete a mente, la stagione piovosa che inizia ad Ottobre e termina a Aprile dalle parti di Agnes Water salendo sino a Cape Tribulation.
Una delle particolarità di questa costa, che poi è il motivo che la rende molto popolare, è che a differenza di altre coste Australiane, offre un connubio perfetto tra la natura selvaggia Australiana e le aree con innumerevoli servizi, rendendo il viaggio on the road molto sicuro anche per i meno esperti o per chi viaggia con la famiglia e incorre in ovvie necessità.

Tappe imperdibili  East Coast Australiana

  • Ballina,
  • Byron Bay,
  • Port Macquarie,
  • Coffs Harbur,
  • Gold Cost,
  • Brisbane,
  • Bribe Island,
  • Moololoba,
  • Coulandra,
  • Sunshine Coast,
  • Noosa,
  • Hervey Bay,
  • Agnes Water,
  • 1770,
  • Port Douglas,
  • Cairns
  • Cape Tribulation

 

Per qualsiasi domanda ti ricordiamo che puoi contattare il nostro Info Point gratuito sempre a tua completa disposizione all’indirizzo infopoint@atlasmigration.com o scriverci sui social:

Maggio 2, 2021
Maggio 2, 2021

A quanto pare persino Wikipedia si è a lungo interrogata sulla reale necessità di dedicare una pagina agli Australian Capital Territories. Questo stato è, nei fatti, un enclave all’interno del New South Wales, prodotto artificialmente con lo scopo principale di evitare tensioni tra Melbourne e Sydney per la scelta della capitale.


Nella difficoltà generale di trovare punti di interesse degni di menzione, le statistiche rappresentano una fonte di curiosità:

  • l’ACT è lo stato con la maggiore densità di tutta l’Australia (180 persone per kmq)

 

  • il confronto della superficie tra ACT e NT vede 2,358 km2 dello stato capitale contro i 1,420,970 km2 dello stato all’estremo nord. Tuttavia, vivono in ACT più persone (431,114) rispetto ai Northern Territory (245,980).

 

  • Nella bilancia commerciale dell’ACT, le principali esportazioni sono costituite da un bene che…si consuma solo in Australia: le rette universitarie degli studenti internazionali: la migliore Universitá di tutta l’Australia, infatti, si trova qui ed è l’Australian National University.

 

  • la disocuppazione in ACT è pressoché inesistente: 3,6%, soglia addirittura considerata a rischio di ‘capacità satura‘ dagli economisti.

In generale, gli Australian Capital Territories non rappresentano una meta ambita dai migranti, in quanto le dimensioni ridotte del territorio e dell’economia capitalina non generano opportunitá. Gli stessi programmi migratori come il 190 risultano molto competitivi, dato che figure critiche come gli psicologi, ingegneri informatici, civili o biomedici, non ricevono più di 60 inviti all’anno.

Maggio 2, 2021

Ad eccezion fatta per i territori della capitale, la Tasmania è di fatto lo stato più piccolo d’Australia e l’unico di tipo isolare. Se vogliamo però essere precisi, ha senso ricordare che non è sempre stato così: ci indicano infatti i geologi ci indicano che 12,000 anni fa non c’era divisione tra l’isola piccola e quella più grande. Pur vero che si trattasse già di due isole separate quando Abel Tasman l’avvistò per la prima volta nel 1642, scambiandola per una costa Australiana ma, per ironia della sorte, divenendo anche la persona che diede il nome a questo stato.

Nonostante le dimensioni contenute, la Tasmania è famosa per la sua smisurata bellezza naturale. Ai panorami marittimi regalati dal Tasman Sea, la regione ospita anche viste panoramiche dall’alto dei monti Cradle, Ossa e Wellington, nonché vasti parchi forestali. La capitale dello stato è Hobart, dimora di oltre metà dell’intera popolazione dell’isola.

Da un punto di vista economico siamo di fronte ad una realtà in piena salute: se la Tasmania fosse una nazione indipendente, sarebbe la ventunesima più ricca al mondo considerando il PIL pro capite. La contenuta popolazione isolana, infatti, pur contando non oltre mezzo milione di abitanti, garantisce un reddito minimo di circa 31,000 Euro anni ad abitante. Storicamente incentrata sull’estrazione mineraria, la Tasmania oggi annovera tra i suoi settori critici anche l’agricoltura ed il turismo. Non a caso la Tasmania é una delle mete gettonate dai backpackers per completare gli 88 giorni di lavoro in area regionale valevoli per il rinnovo dei visti Working Holiday 417 e 462.

Dal punto di vista climatico si registrano, in ogni stagione, temperature più basse in relazione al resto del territorio Australiano. Trattandosi del punto sul pianeta più vicino al circolo polare antartico, i luoghi più freddi dell’isola corrispondono anche con quelli più freddi d’Australia: a Lianewee, ad esempio, le temperature medie oscillano lungo l’intero anno, tra i 4 e 17 gradi centigradi.

Maggio 2, 2021
Maggio 2, 2021

Di tutti gli stati Australiani, il Queensland rappresenta sicuramente quello più affascinante a livello paesaggistico. Secondo solo al Western Australia in termini di volume, questo stato conosce raramente le basse temperature in virtù della sua posizione lungo la fascia climatica subtropicale.

Una volta varcato il confine con il New South Wales, lil primo tratto della East Coast del Queensland é rappresentata da mete imperdibili come Gold Coast, la capitale Brisbane, Sunshine Coast, Noosa Heads. Altre mete assolutamente da visitare sono Port Douglas, Cairns, Townsville, Magnetic Island, Airlie Beach, Whitsunday Islands, Fraser Island.

Il Queensland è uno stato che rispetto al New South Wales ed al Victoria si é sviluppato economicamente in un momento più recente e che per lungo tempo non è stato considerato come meta migratoria se non come destinazione per i backpackers in cerca di una farm per completare i giorni di lavoro valevole per il rinnovo del Working Holiday Visa. L’economia del Queensland ha infatti registrato una costante crescita negli ultimi 15 anni, specialmente grazie alle industria agricola, del turismo, energetica ed ai servizi finanziari.


Traino principale dell’economia del Queensland è la sua capitale: Brisbane. Resasi indipendente 1986 dal New South Wales, questa cittá é stata teatro di una mutazione paesaggistica che l’ha convertita in metropoli nel giro di un decennio. Un centro economico di rilievo poco lontano da Brisbane è Gold Coast, la fusione perfetta tra cittadina di mare e modernità architettonica. Secondo uno studio del 2018, il PIL complessivo dell’economia del Queensland raggiunge volumi più estesi di stati come il Portogallo. Il cono Gold Coast, Brisbane, Sunshine Coast é stato definito il corrispettivo della Silicon Valley statunitense, in virtù del network di start-up nel settori hi-tech e della blockchain che vi si sono recentemente insediate.

Nonostante un recente trend on crescita per quanto riguarda la competizione sui programmi migratoria, gran parte del Queensland risulta classificata come ‘regional area’ ed in quanto tale gode di programmi migratori specifici, come i visti 491, 494 e 191.

Maggio 2, 2021
Maggio 2, 2021

Il territorio compreso tra il meridiano 132 ed il 141 prende il nome di South Australia. Il nome di questo geograficamente distorce la percezione del lettore, che la immagina come il territorio più a Sud del paese, quando invece il suo confine settentrionale risulta a nord di Brisbane, la capitale del Queensland. Storicamente, questo stato é stato l’unico d’Australia a non essere colonizzato come colonia penale.


Si può sicuramente sostenere che Adelaide si è sviluppata per lungo tempo all’ombra di metropoli come Melbourne, Sydney, Brisbane e Perth. Oggi però, Adelaide rappresenta uno dei nodi nevralgici del paese, avendo registrato una crescita economica di primo ordine nel ventennio 2000-2020. Oltre centomila persone sono infatti impiegate nel sistema sanitario del territorio, facendone la meta di infermieri e aspiranti tali, che studiano nursing per potersi candidare ai programmi migratori aperti. Il settore vinicolo rappresenta un’altra industria molto importante.


Lo sviluppo economico del South Australia è stato riconosciuto anche da Standard & Poor’s e Moody e classificato come ‘AAA’, il miglior stato possibile dell’economia di un paese (l’Italia, ad esempio, risulta essere BB). Con l’obiettivo di mantenere l’economia del South Australia positiva nel lungo termine, è stato istituito a livello nazionale un programma di immigrazione ad hoc per per questo stato: il SISA. Acronimo per Supporting Innovation in South Australia questo programma é stato indetto con l’esplicita missione di attirare imprenditori stranieri intenzionati a rendere operative idee innovative e fondare start-ups sul territorio. Si tratta appunto di un progetto pilota, che verrá replicato negli altri stati Australiani se dovesse provarsi di successo nel periodo 2018-2021.


La comunità più estesa in South Australia di origine non anglofona è proprio quella Italiana: oltre 90,000 South-Australians, infatti, risultano di origine Italiana secondo il censimento del 2011, che si traduce nell’11% della popolazione dello stato.